Comunità Sant’Andrea


La comunità Sant’Andrea è il Centro diurno per giovani adulti con disabilità psico-fisica grave e gravissima della Comunità di Capodarco di Fermo. Il centro è aperto dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 17.30, senza chiusure (eccetto domeniche e festività).

Cenni storici

L’esperienza della Comunità Sant’Andrea nasce nel 2004 come risposta ad un enorme vuoto del territorio fermano rispetto alla necessità di accogliere adulti disabili psico-fisici gravissimi, i quali avevano frequentato fino al raggiungimento della maggiore età il centro pedagogico Montessori di Fermo.
Il percorso della Comunità Sant’Andrea viene inizialmente finalizzato alla strutturazione di un “dopo di noi”, ma nel prosieguo dell’esperienza, attraverso numerosi e costanti incontri con le famiglie, si è evidenziata la necessità di progettare e pianificare un “durante noi”.
Dal 2007 la Comunità Sant’Andrea è autorizzata per 10 posti in regime di seminternato e nel 2010 ha ricevuto l’accreditamento da parte della regione Marche.
La certificazione del livello di trattamento riabilitativo delle persone disabili accolte è garantita dall’Unità Valutativa Distrettuale (Uvd) e/o dall’Umea della Asur Marche – AV4). Le prestazioni sono inquadrate in regime di seminternato assimilato al livello di Unità Plurisensoriali per soggetti con disabilità psico-fisica grave e gravissima.
La comunità Sant’Andrea amiamo paragonarla ad una famiglia allargata che si “prende cura” della persona accolta in ogni suo aspetto sia di carattere assistenziale che socio-sanitario e rispondendo a tutti i suoi bisogni educativi. Lo stile familiare, tra l’altro, è uno dei cardini principali dell’accoglienza nel quale da più di cinquat’anni si identifica la Comunità di Capodarco di Fermo.

La sede

Nell’estate del 2018 la comunità Sant’Andrea cambia sede e si trasferisce a Capodarco di Fermo in via Indipendenza, 45, poco distante dalla casa madre quale è la comunità di Capodarco. La struttura è un edificio di nuova costruzione di circa 300 mq, dislocato a pianoterra, dotato di: ascensore, un ampio salone, una sala da pranzo, una cucina, una stanza per attività ludico/ricreative, una stanza sensoriale, una stanza per i cambi, un’infermeria, una stanza per fisioterapia, un ufficio, 5 bagni, una terrazza esterna, un giardino adiacente e accessibile, una lavanderia e un magazzino.
Il centro diurno dispone di una cucina interna in cui il pasto viene accuratamente preparato ogni giorno, nel rispetto delle normative vigenti, prestando attenzione alle diete di ciascun accolto. Nei menù si prediligono alimenti sempre freschi e di stagione. In genere il pranzo si consuma alle 12:00 il primo turno; alle 13:00 il secondo turno.

Le finalità del servizio

– il benessere psico-fisico del soggetto accolto
– il sostegno fondamentale alle famiglie
– la messa in atto di progetti finalizzati a promuovere le abilità residue e funzionali del soggetto accolto, favorendo le potenzialità esistenti sul piano delle competenze percettivo sensoriali, affettive, relazionali tramite lo sviluppo di (progetti educativi e assistenziali individualizzati) e attività ricreative e di animazione strutturate in piccoli gruppi.

Le attività

Ogni attività proposta è di tipo riabilitativo, assistenziale, educativo.
Tenuto conto della gravità delle patologie, dove nella quasi totalità dei casi si è in assenza di linguaggio verbale, gli interventi di assistenza diventano momento educativo per i nostri ragazzi.
Per la riabilitazione, è prevista la fisioterapia due giorni a settimana.
Tra le altre attività, sono predilette quelle che si basano su stimolazioni multisensoriali che prevedono laboratori individuali o per piccoli gruppi in setting opportunamente attrezzati.
I laboratori attivi sono:
– il laboratorio di lettura (fiabe, storie, quotidiani, settimanali, testi di canzoni);
– il laboratorio di musica (musicoterapia);
– il laboratorio di cucina;
– il laboratorio di pittura (decoupage)
– la Pet terapy
– Uscita settimanale per la spesa
Non mancano i momenti più ricreativi come: le feste di compleanno di ogni ragazzo accolto, le ricorrenze, le passeggiate al mare e quelle in collina. Molto importanti sono i momenti di condivisione con le famiglie, ma anche con gli altri centri di accoglienza della comunità di Capodarco, e con il territorio.

L’equipe

Si compone di: Direttore sanitario, coordinatore, Infermiere professionale, fisioterapista, Oss (operatori socio sanitari), Educatori professionali, cuoca, personale ausiliario con funzioni di pulizia e lavanderia. L’equipe rappresenta il luogo principale dove avviene lo scambio di informazioni sulla vita del gruppo alla luce di quanto è successo. E’ il momento in cui ogni operatore può esprimere il suo stato d’animo rispetto alla relazione con i disabili e ciò viene utilizzato come strumento per individuare le eventuali correzioni da apportare all’approccio e al lavoro quotidiano con i ragazzi accolti. Le varie professionalità sono costantemente monitorate sia dalle riunioni con cadenza quindicinale, sia dalla collaborazione con esperti pedagogisti e psicoterapeuti dell’Unimc.
E’ costante la formazione degli operatori per ogni ordine e grado, tra i quali: Primo soccorso, Blsd, sicurezza, formazione quadri.

Rapporto con il territorio

La comunità Sant’Andrea intende promuovere il contatto e l’integrazione dei ragazzi accolti con le realtà locali, come Servizio civile, gruppi parrocchiali, Scout, studenti, volontari, tirocinanti siano essi per Oss che per Educatori professionali e Infermieri.

Posti disponibili: 10
Persone accolte: 10

Responsabili

Sonia Postacchini (coordinatrice) – Cell. 348/3027584
Valentina Koxha (Direttore sanitario)

Comunità Sant’Andrea
Via Indipendenza, 45
63900 Capodarco di Fermo
Tel. 0734/233286
e-mail: santandrea@comunitadicapodarcofermo.it