Comunità di Capodarco dell’Umbria – Gubbio

La Comunità di Capodarco dell’Umbria è nata nel 1966 per combattere il fenomeno dell’emarginazione, indirizzandosi dunque ai gruppi sociali considerati “ultimi” ed esclusi dalla società: tossicodipendenti, disabili, ragazze madri, anziani.

Il modello di Capodarco era stato portato da don Angelo di Gubbio, alla ricerca di un modello di campo ricco di valori e di impegno da proporre ai suoi studenti del movimento studenti eugubino.

Da Capodarco don Angelo era tornato a Gubbio entusiasta.
Stava nascendo il primo di una lunghissima serie di campi di lavoro di ragazzi eugubini, a Capodarco prima, poi a Fabriano, infine a Gubbio, sul Monte Ansciano, nel Convento di S. Girolamo: il suo entusiasmo da subito aveva contagiato ragazzi e ragazze, anche non appartenenti al movimento degli studenti.

Visione:

“La vita tanto più è autentica quanto più costa fatica conquistarsela”

La Capodarco dell’Umbria è una realtà che si propone di promuovere la persona, ogni persona, tutta la persona e in particolare gli emarginati. 
Per questo si fa portatrice di una cultura diversa da quella dominante, una cultura dell’inclusione, della partecipazione, della persona, della pace. 
All’interno della comunità vivono e lavorano centinaia di persone, disabili e non, o portatrici di altre forme di disagio. L’autogestione è totale, tutti sono moralmente impegnati a trasformare il bisogno dal quale provengono in quotidiana solidarietà interpersonale, sul piano civile, sul piano etico, sul piano religioso.

Sede:
Corso Garibaldi 111 – 06024 Gubbio (PG)
Tel. 075 922 2275 – Fax 075 922 3147
Sito Internet: http://www.capodarcoumbria.it
E-mail: info@capodarcoumbria.it