Parco della Comunità di Capodarco


Il Parco della Comunità di Capodarco consiste in un bosco di circa 7 ettari di macchia mediterranea e sub-mediterranea,  sorto grazie a un’importante opera di riqualificazione ambientale realizzata grazie a un finanziamento concesso nel 2010 dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Sono state piantate, su una superficie di circa tre ettari di terreno incolto, circa 1300 essenze vegetali, selezionate dopo accurate consulenze con l’Università di Camerino, i principali studi naturalistici della zona e il corpo forestale dello Stato, che ha fornito le sementi selezionandole dal proprio vivaio.

In particolare è stata studiata una lista di specie vegetali che non solo assicurassero un rimboschimento in linea con la vegetazione  di quest’area climato-geografica, ma che potessero contemporaneamente costituire alimento per le specie animali presenti sul territorio (uccelli nidificanti, svernati e migratori,  mammiferi, micromammiferi e chirotteri, insetti, anfibi e rettili).

Con un’estensione totale di 7 ettari, di cui tre interessati dagli alberi, questa macchia mediterranea e sub-mediterranea ha una particolarità che la rende unica nel territorio: non essendo mai stata interessata dallo sfruttamento del legname, si tratta di una struttura di altissima qualità naturalistica che si è “rinaturalizzata” in modo completamente naturale.

Terminati i lavori di rimboschimento, è stato stilato un progetto per permetterne la fruizione sia agli ospiti disabili della comunità sia ai visitatori esterni .

Il bosco è attrezzato con percorsi tematici da seguire da soli o con  guida naturalistica ed è stata realizzata un’area faunistica ove è possibile osservare gli animali e avvicinarsi a loro.
E’ stata inoltre predisposta un’aula didattica attrezzata con animali e reperti naturalistici,  utilizzata per i percorsi didattici con le scolaresche. Le attività didattiche sono portate avanti dallo studio professionale Naturalistico Pan, coordinate dal dott. Nazareno Polini.

Alcune immagini del Bosco della Comunità nelle fotografie di Paolo Bartolomei realizzate in occasione della visita guidata organizzata durante l’ultima festa delle Comunità:

Presentazione